Il RITORNO A GIARRE DEGLI ANNI ’70

Il RITORNO DEL VINTAGE CON GUESS ~

La storia ci insegna che ogni periodo storico è caratterizzato da una propria cultura, spesso diversa da quella del precedente periodo storico. Basti pensare al medioevo e al rinascimento, tanto per fare un esempio lampante: due periodi storici con un pensiero culturale spesso diametralmente opposto. Le differenze riguardavano l’arte, la scienza, il modo di pensare, la politica, e senza dubbio, anche la moda.

Questi cambiamenti si sono verificati in maniera molto più rapida anche nel secolo scorso, tanto che – in corrispondenza con l’evoluzione del ruolo e l’emancipazione femminile – si sono alternati diversi stili, che seppur in modo diverso, cercavano di esaltare la figura della donna e la sua femminilità.

Tra questi stili, mi ha colpito particolarmente il vintage degli anno ‘70: lo stile di una donna che vuole uscire dalle regole stereotipate, ma lo fa con classe, con un’eleganza sottile, mai scomposta o eccessiva.

Così, grazie ai consigli del megastore di Giarre “Sportivo Emozioni Sensazioni” che mi supporta ogni giorno e mi aiuta a scegliere i capi più “in”, ho indossato jeans scuri GAUDÌ leggermente a zampa, camicia verde con borchie quadrate GUESS, un cappotto semilungo maculato GUESS e stivaletti marroni MENBUR.

Infatti ho cercato di personalizzare lo stile vintage anni ‘70 e ho iniziato proprio da un capo classico: i pantaloni a zampa. Tuttavia, ho tenuto conto anche delle tendenze del momento, delle esigenze  di praticità, e ho optato per una capo più sobrio, con una zampa più piccola. Inoltre ho aggiunto questo cappotto maculato, molto appariscente e particolare, con cui ho voluto dare un tocco ‘selvaggio’ e anticonformista, tipico del vintage di quel periodo.

Quando ho provato questo outfit ho subito pensato che i vestiti  che indossiamo ogni giorno,  raccontano non solo chi siamo, le nostre emozioni e i nostri umori; ma raccontano anche della società e del periodo in cui stiamo vivendo. La moda, quindi, come dice la consulente di immagine Anna Turcato “porta con sé la storia e indossare la storia è un privilegio.”

 

 

 

VINTAGE IN COMPANIA FANTASTICA ~

In realtà, girovagando tra i siti di moda e i social, ho notato come si sta riscoprendo anche la gonna svasata: un tipico capo vintage, che non potevo assolutamente farmi mancare.

Così, ho indossato una gonna leggermente svasata gialla COMPANIA FANTASTICA, con motivi geometrici, lunga fino a sopra il ginocchio, abbinata a un maglione giallo dello stesso brand, un caldissimo parka GUESS e stivaletti marroni MENBUR.

Un look molto semplice, ma perfetto per un’occasione informale: ad esempio io l’ho indossato per una passeggiata con amiche nel centro della mia città, Catania.

Ho cercato  di personalizzare questo stile utilizzando dei colori molto accesi, quali il giallo proprio per contrastare le giornate uggiose, cercando di creare un look vivace e appariscente; inoltre si tratta spesso di colori che richiamano l’autunno, quali il marrone, il giallo, il verde.

Un outfit  perfetto per questo periodo: questo stile vintage permette infatti di esaltare la femminilità senza esagerazioni, in maniera molto sobria, ma che colpiscono per i colori e le forme morbide.

Per me, questo stile è l’emblema della donna forte, sicura, che non ha bisogno di “scoprirsi”, ma che riesce a farsi notare proprio attraverso ciò  che indossa.

 

 

OUTFIT TOTALMENTE DERHY ~

L’autunno è la stagione che preferisco, perché è legata a tanti momenti felici della mia infanzia. Infatti ricordo che da piccola uscivo di casa  non appena smetteva di piovere e iniziavo a saltare  da una pozzanghera all’altra, cercando di far sollevare il maggior numero di schizzi. Mi piaceva stare all’aria aperta: si sentiva l’odore della terra bagnata, dei primi  camini accesi, delle castagne che venivano arrostite sui bracieri. Vedevo le persone accingersi ad uscire, ad aprire le finestre, come se la vita riprendesse proprio là, nel momento esatto in cui la pioggia la aveva interrotta.

Ancora oggi, mi è rimasta l’abitudine di uscire dopo la pioggia, per cercare tutto quello che ho sempre adorato in questo periodo.

Ho scelto di indossare un look total DERHY: una gonna lunga fin sotto il ginocchio, nera con decorazioni floreali, un golfino giallo, con alcune perline che formano una decorazione a forma di fiocco, un cappotto lungo con motivi geometrici.

Un look perfettamente vintage! Infatti la gonna rappresenta un modello molto utilizzato in passato, e secondo me molto sensuale, perché copre quasi tutta la gamba e creando un effetto intrigante. Ho cercato anche di valorizzare il punto vita, aggiungendo una cintura GAUDÌ, nera, abbinata alla gonna.

Infine, ho aggiunto un cappotto lungo – di grande tendenza anche al giorno d’oggi – DERHY con motivi geometrici, che completava alla perfezione  questo stile dal gusto retrò.

Per un attimo, mi è sembrato per davvero di aver fatto un tuffo indietro nel tempo, e di essere ritornata negli anni ‘70: un’epoca significativa anche per la moda, perché la donna si “libera” dalle strutture e sovrastrutture che l’avevano caratterizzata negli anni precedenti e inizia ad abbracciare uno stile più semplice, diretto, che la porta ad apprezzare veramente se stessa. Una donna che inizia a liberarsi degli stereotipi e a conquistare la sua libertà e i suoi spazi anche nel vestirsi.

 

RETRÒ IN BORDEAUX ~

In questa stagione,  un colore di grandissima tendenza è il bordeaux, il protagonista non solo delle passerelle ma spesso anche degli armadi. Per cui, essendo tra l’altro un colore che amo particolarmente,  ho cercato di creare un outfit ispirato al vintage basato su questo colore.

Così, ho indossato, in primis, una maglia DORI sul bordeaux, con decorazioni floreali bianche e arancioni, un paio di pantaloni a vita alta WEEKEND MAX MARA, neri e lunghi fino al polpaccio, un cappotto semi lungo DERHY, sui toni del bordeaux con motivi geometrici e quadrangolari e infine scarpe MENBUR bordeaux, impreziosite da un ponpon e un brillantino.

Ho amato tantissimo questo look non solo, appunto per i colori, ma perché incarna un aspetto dello stile vintage curato, elegante e soprattutto moderno per gli anni ‘70, grazie ai motivi geometrici e all’uso dei pantaloni a vita alta. Ho cercato di personalizzare questo stile, dando un tocco di eleganza attraverso la scarpa, non solo comodissima, ma soprattutto chic: il tacco basso è perfetto per chi vuole apparire slanciata ma allo stesso non rinunciare alla praticità.

Tutto ciò, mi dimostra come la moda permetta non solo di capire e “studiare” la storia, ma rappresenta un grosso bagaglio, personale e culturale, attraverso cui scoprire il passato e vivere il presente, preferibilmente con stile e originalità.